Ecco come nasce una pipa artigianale: le immagini illustrano i vari passaggi della creazione di una pipa con shape “SNAIL”, in questo caso liscia.

Si tratta di un lavoro lungo e meticoloso, fatto con passione, a partire dalla scelta della materia prima.

La radica che si utilizza per la pipa artigianale deriva da un materiale (il più usato per la fabbricazione delle pipe) costituito da un’escrescenza (ciocco di radica) che si forma nella parte sotterranea, sotto il colletto, dell’Erica arborea, un arbusto delle ericacee.

La forma viene disegnata sul pezzo di radica seguendo le caratteristiche del legno e la propria fantasia.
Segue la svasatura: si tornisce il pezzo per creare il foro del fornello e la forma esterna del vaso fino all’altezza della canna.
Ulteriori lavorazioni creano la canna e la parte inferiore del fornello.

Ogni intervento è manuale, occorrono decine di lavorazioni e una grande precisione per ottenere la pipa. Tra queste, il montaggio del bocchino e la levigatura della superficie esterna, ripetuta più volte per rendere la superficie perfettamente liscia. La colorazione, la ceratura, la verniciatura devono conferire un aspetto unico, naturale e duraturo alla pipa, lasciando traspirare il legno, per rendere la fumata piacevole.

Solo l’esperienza e l’abilità manuale consentono la creazione di pezzi unici di qualità, con caratteristiche di morbidezza, sinuosità, fumabilità e cura dei particolari.